Sabato 25 febbraio apertura dell’oasi WWF Bosco Foce dell’Arrone

Cari Amici dell’oasi,
giovedi 16 febbraio è stata inaugurata l’oasi WWF Bosco Foce dell’Arrone. Quest’oasi va a completare la rete di aree naturali protette del comprensorio di Maccarese e Fregene affidate in gestione al WWF e ubicate all’interno della Riserva Naturale Statale “Litorale Romano” (insieme alla storica oasi di Macchiagrande e Vasche di Maccarese).
Sabato 25 febbraio sarà aperta al pubblico per la prima volta con due turni di visita guidata alle ore 10:30 e alle ore 14:30.
Vi aspettiamo numerosi, non mancate!
L’Oasi è attraversata da tre sentieri natura per una lunghezza totale di circa 2,5 km che permettono di apprezzare i diversi ambienti presenti nell’area: il prato naturale, il bosco, la zona umida e la duna costiera.

N.B. RICORDIAMO CHE DOMENICA 26 FEBBRAIO ALLE ORE 10:30 CI SARA’ ANCHE LA VISITA GUIDATA ALLE VASCHE DI MACCARESE.

DI SEGUITO ALCUNE INFORMAZIONI SULL’OASI BOSCO FOCE DELL’ARRONE:

La flora e la fauna

Nell’Oasi la vegetazione mediterranea si estende per circa 30 ettari diversificandosi in tutte le sue tipologie più caratteristiche. Procedendo dal mare verso l’interno la vegetazione segue la successione tipica degli ecosistemi costieri: dalla zona retrodunale si passa alla macchia mediterranea caratterizzata da arbusti di lentisco, fillirea, ginepri, leccio, erica arborea e corbezzolo. Procedendo verso l’interno i cespugli lasciano spazio alla macchia alta e alla pineta caratterizzata dalla presenza di pino domestico e pino d’aleppo. In alcuni punti la macchia si trasforma in lecceta caratterizzata negli strati bassi da un fitto sottobosco a pungitopo, edera e ciclamino. A ridosso del fiume Arrone si trova un lembo di bosco igrofilo a frassino meridionale mentre al livello più basso si trovano olmo e corniolo. La vegetazione erbacea caratterizzata da carice ascellare e maggiore e bellissime fioriture di giaggiolo puzzolente e acquatico. Rilevante è la presenza nei mesi invernali di ranuncolo favagello, specie rarissima nel Lazio. Numerose sono le orchidee che in primavera arricchiscono la vegetazione. Tra gli animali è presente la volpe, il tasso, la donnola e l’istrice. Di giorno è frequente l’incontro con la testuggine di Hermann. La foce del fiume nei diversi periodi dell’anno ospita un’avifauna molto ricca.

Dott. Nat. Riccardo Di Giuseppe

WWF – Nasce l’Oasi Foce dell’Arrone

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *